34. ERO STRANIERO: LE DICHIARAZIONI DEI PROMOTORI
2012-06-21

 Dichiarazioni dei promotori

Lamberto Menozzi, Presidente della Fondazione Casa del Volontariato

La Fondazione Casa del Volontariato sostiene il progetto Ero straniero sin dalla sua nascita, perché crede fermamente che l’integrazione dei cittadini stranieri passi, in primo luogo, per la conoscenza e la padronanza della lingua italiana. Questo meritevole ‘cantiere’ ha prodotto notevoli risultati, peraltro in crescita sia numerica che qualitativa, e non fa che inscriversi nell’attenzione all’istruzione, alla scuola e più in generale all’apprendimento che sono uno dei versanti principali dell’impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi.

Maria Cleofe Filippi, Assessore all’Istruzione del Comune di Carpi

Governare è mettere a sistema le diverse realtà e potenzialità e direi che questa esperienza è un buon risultato di governo sia dell’assessore al sociale che all’istruzione. Ero straniero ha il pregio, di avvicinare alla lingua italiana in modo “leggero” e informale, e ciò consente di saldare il mondo degli immigrati adulti sia all’ambiente scolastico dei propri figli, sia al centro di educazione permanente per adulti.

Consente a tante madri e padri stranieri di superare la vergogna di non capire e di non saper rispondere che li mette in uno stato di soggezione, e permette loro di “osare” la relazione coi genitori indigeni davanti a scuola quando si aspetta l’uscita dei figli, alle feste delle scuole e alle riunioni con gli insegnanti; ma consente anche a molti adulti di prendere sicurezza ed aver la fiducia sufficiente ad iscriversi ai corsi serali istituzionali per acquisire la licenza di scuola media e di scuola superiore, magari valorizzando così apprendimenti precedentemente acquisiti nel paese d’origine e non riconosciuti formalmente in Italia.

Banalmente, la lingua è importante per comunicare, se non si comunica non si creano relazioni, e se non si hanno relazioni non si ha comunità, e la politica deve accompagnare il farsi comunità accrescendone senso di appartenenza e identità.

Paolo Pignatti, MASCI

Il progetto Ero Straniero è arrivato ormai alla fine del suo secondo anno di vita. Anche quest'anno scolastico le quattro associazioni promotrici del progetto – Unione Donne in Italia, Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani, Azione Cattolica e la Cooperativa Sociale "Il Mantello" – hanno organizzato e portato avanti ben 11 corsi di lingua e cultura italiana rivolti ad adulti stranieri. Quest'anno si sono iscritte circa 200 persone, di cui la maggior parte donne. Più del 30% provengono dal Pakistan, ma ci sono altre 27 nazionalità rappresentate. Anche lo scorso anno abbiamo avuto numeri simili, ma ad aumentare è stata la quantità di ore di alfabetizzazione che abbiamo erogate: da settembre 2011 a giugno 2012. I docenti sono sempre volontari e sono più di 30. Crediamo quindi di poter dire che parte degli obiettivi che ci eravamo prefissati siano stati raggiunti e siamo perciò molto contenti.

Maria Vittoria Bertacchini, Azione Cattolica

Ero Straniero è un progetto che ha più obiettivi perché nato da un'idea molto ampia: prendersi cura della città, del suo futuro e del futuro delle persone che la abitano. Partendo dal presupposto che l'immigrazione non può più considerarsi un'emergenza sociale ma un fattore strutturale, abbiamo pensato che le risposte devono essere culturali e non più solo assistenziali. E così lavorare per costruire ponti, superare la logica dei ghetti e dei mondi paralleli. Investire in formazione per dare a tutti gli strumenti della comunicazione, per rispondere al bisogno primario di mettersi in relazione. Quest'anno infatti abbiamo cercato ancora di più di approfondire i legami che si erano instaurati nella prima edizione e di pensare concretamente a come far conoscere la cultura italiana a questi nuovi cittadini. Abbiamo affrontato i temi dell'educazione stradale e sanitaria, organizzato uscite sul territorio e creato laboratori di sartoria e pittura. Abbiamo poi pensato di riproporre la festa conclusiva, nel corso della quale consegneremo gli attestati di partecipazione e ci dedicheremo all'assaggio dei tanti piatti tipici del mondo preparati dagli studenti stessi.

 Odette De Caroli, Unione Donne in Italia

Una novità di Ero Straniero 2011/2012 sono i due percorsi di educazione sanitaria e stradale che abbiamo organizzato insieme con tutti i docenti volontari. Abbiamo infatti incontrato la Vigilessa Manuela Bellelli di Carpi, che ci ha descritto quali sono le principali problematiche che gli utenti stranieri riscontrano quando sono per strada, in macchina, in bicicletta o a piedi. Insieme a lei, i docenti di Ero Straniero si sono confrontati su ciò che avrebbero potuto dire ai propri studenti e così sono state programmate lezioni di educazione stradale che per quasi tutti i corsi si sono concluse con un incontro con la Vigilessa Bellelli stessa. Similmente è stato organizzato il percorso sull'educazione sanitaria, con l’incontro tra i docenti e il Direttore del Distretto di Carpi Claudio Vagnini, insieme ad alcuni medici e pediatri che operano sul territorio. Abbiamo approfondito il tema delle vaccinazioni per i bambini e quello dell'accesso al Pronto Soccorso. Ero Straniero, quindi, non è soltanto insegnare la lingua italiana, ma anche far conoscere la cultura dell'Italia e di Carpi.

 Andrea Maccari, Presidente della Cooperativa sociale Il Mantello

Uno degli aspetti più importanti ed innovativi di Ero Straniero è senz'altro la rete di soggetti che lo porta avanti. Troppe volte, infatti, nel campo del sociale si assiste al disperdersi delle forze e al fiorire di nuovi soggetti che preferiscono "far da sé". La creazione di una rete e il lavorare secondo una linea comune è stato fin da subito un obiettivo di Ero Straniero. I quattro enti, seppur diversi e con differenti sensibilità, hanno deciso di fare comunità prima di tutto fra loro, per poter poi raggiungere l'obiettivo più ampio che è fare comunità anche con i nuovi cittadini stranieri di Carpi. Ciò che vorremmo continuare a fare l'anno prossimo è quindi proprio questo: continuare a creare relazioni, legami, ponti per sviluppare un nuovo senso di comunità. Sicuramente a settembre 2012 faremo pubblicità dei nuovi corsi e raccoglieremo le iscrizioni per poi cominciare con le lezioni e gli incontri di socializzazione e di cultura generale.


Calendario Eventi

Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Vedi tutti gli eventi »