42. LA FONDAZIONE CASA DEL VOLONTARIATO NELL'EMERGENZA SISMA
2012-09-21

 

Anche la Fondazioe di via Peruzzi si impegna a raccogliere le disponibilità di alloggi inutilizzati per gli sfollati. Ammontano poi a 10mila euro gli aiuti monetari stanziati

La Fondazione Casa del Volontariato, visto l’avviso pubblico del Sindaco di Carpi per la messa a disposizione di alloggi inutilizzati – arredati o meno - nel territorio del Comune di Carpi, da assegnare in locazione temporanea ai nuclei familiari con abitazioni inagibili a causa delle lesioni provocate dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio scorsi, in collaborazione con il Comune di Carpi ed in particolare con l’Ufficio Rientro in Abitazione dell’Unione delle Terre d’Argine, raccoglie, da privati, le offerte di alloggi.
Chiunque avesse la disponibilità di alloggi e volesse concederli in locazione temporanea, è pregato di comunicare detta disponibilità alla Fondazione Casa del Volontariato, ufficio di Segreteria, oppure all’Ufficio Rientro in Abitazione dell’Unione Terre d’Argine (Carpi, Via S. Rocco, 5) compilando ed inviando il modulo di messa a disposizione degli alloggi, scaricabile dal sito della Fondazione Casa del Volontariato.


- La durata temporale dell’affitto non può superare i 18 mesi e il contratto di locazione cessa comunque nel momento in cui l’assegnatario riacquisisce l’agibilità della propria abitazione lesionata dal sisma.
- Il canone di locazione è determinato avendo a riferimento il canone concertato previsto dagli accordi territoriali di cui all’art. 2, comma 3, della legge 431/98, compensato dalla perdita dei benefici fiscali. Non è previsto alcun deposito cauzionale, non è consentita la sublocazione;
- Il contratto di locazione è sottoscritto dal Comune di Carpi, dall’Azienda Casa Emilia Romagna (ACER), dal proprietario dell’alloggio e dall’assegnatario;
- I canoni d’affitto sono pagati dal Comune di Carpi, o su delega del Comune, dall’ACER;
- Eventuali danni che eccedono la normale usura, arrecati all’alloggio dall’assegnatario, sono risarciti al proprietario fino ad un ammontare massimo di euro 3.500, per il tramite d’apposita polizza assicurativa stipulata dal Comune/ACER nell’interesse del proprietario;
- Il Comune si impegna a consegnare l’alloggio al proprietario alla data di scadenza del contratto, la cui durata massima è prevista in 18 mesi, e comunque non oltre 30 giorni dopo la riacquisita agibilità dell’abitazione occupata dall’assegnatario prima degli eventi sismici che l’hanno resa inagibile;
- Gli oneri condominiali, quelli relativi alla manutenzione ordinaria e quelli derivanti dal consumo di utenze domestiche, nonché la tassa o tariffa per lo smaltimento dei rifiuti, restano a carico dell’assegnatario dell’alloggio.

Per ulteriori informazione e per visionare i documenti allegati si può visitare il sito www.casavolontariato.org.

Ma l’impegno della Fondazione non si limita a questo. Ammontano infatti alla somma di 10mila euro gli stanziamenti economici che la Fondazione Casa del Volontariato di Carpi ha deciso di donare ad alcune associazioni del territorio per sostenere la loro azione di aiuto in prima linea nei confronti delle popolazioni colpite dal sisma del 20 e 29 maggio 2012.

La decisione della Fondazione in merito a quali e quanti progetti sostenere, tra i tanti messi in campo dal tessuto del Terzo Settore operante sul territorio, è stata presa e sulla base delle richieste pervenute e sulle esigenze segnalate dal Centro Servizi per il Volontariato, i cui operatori operavano nelle tendopoli ed erano quindi in grado di rendersi conto direttamente delle necessità di persone ed associazioni.

Sono stati realizzati i seguenti interventi:

-      Acquisto di dieci gazebo di diverse dimensioni (di 3x3 e di 4,5x3), per una spesa di 3.500 euro, i quali sono stati temporaneamente messi a disposizione ad enti ed associazioni, mantenendone la FVC la proprietà. In seguito si è poi deciso di inserirli tra i cespiti della Fondazione, sottraendo detto acquisto dall’ambito degli interventi pro terremotati, e rendendo pertanto disponibile l’importo di 3.500 euro per altri interventi pro terremotati;

-       Finanziamento, su richiesta della Cooperativa Meditem – composta da medici operanti a Carpi - della fornitura di strumentazione medico-farmaceutica che consentirà di far partire un progetto di monitoraggio della terapia anticoagulante in pazienti  con criticità nell’accedere ai laboratori analisi, in zone terremotate. La spesa è stata di 2.460 euro;

-       Riconoscimento, in favore del Centro Sociale Loris Guerzoni, di un rimborso spese per i pasti erogati in questo periodo al corpo dei vigili del fuoco impegnati in interventi nelle zone terremotate, per la somma di 2000 euro;

-       Acquisto di acqua e altri beni di necessità in favore delle tendopoli o della popolazione terremotata, per un totale di 2000 euro.

“Consapevoli di come il nostro contributo non sia che una goccia nel mare magnum delle necessità anche impellenti che questo sciagurato terremoto ha causato alle popolazioni del territorio – spiega il Presidente della FCV Lamberto Menozzi – siamo tuttavia lieti di aver potuto contribuire per quanto possibile ad ‘aiutare chi aiuta’. La Casa del Volontariato non poteva certo rimanere indifferente di fronte ad una tragedia di simili proporzioni, e continuerà nel suo impegno di sostegno ai progetti delle associazioni. L’ultima cosa che vorrei far notare è come non ci sia stato, neppure in questo caso, alcun tipo di campanilismo: tutte le associazioni che hanno ricevuto un nostro contributo non hanno sede nella Casa. Intendo con questo dire che abbiamo premiato i progetti, perché in realtà ogni volontario che aiuta il prossimo, dovunque esso sia, è un inquilino onorario della Casa”. 


Calendario Eventi

Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Vedi tutti gli eventi »